Habitat e fauna selvatica

Alla scoperta di paesaggi animati e dell’incantevole fauna selvatica delle Scilly

I paesaggi delle Scilly, così diversi dal resto dell’Inghilterra, rappresentano una delle maggiori risorse delle isole; la fauna selvatica e gli habitat che le popolano rendono le Scilly un luogo estremamente affascinante, da visitare in ogni stagione dell’anno.

Le isole Scilly sono state designate come Area of Outstanding Natural Beauty (AONB), una denominazione attribuita alle aree di eccezionale bellezza naturalistica. Nel caso delle Scilly la denominazione di AONB è piuttosto insolita poiché copre l’intero arcipelago, comprese le isole e le rocce disabitate, mentre alcune isole sono designate come “scheduled landscapes”, ossia delle aree protette per via della loro ricca storia.

Le isole offrono una miriade di paesaggi contrastanti e colorati, di cui una grande percentuale è gestita e mantenuta dall’Isles of Scilly Wildlife Trust, un’associazione di beneficenza locale e indipendente. Colonne di granito solide e frastagliate in varie tonalità di grigio e rosa; il terriccio soffice e spugnoso della brughiera spazzata dal vento e dal mare che nei mesi estivi sembra quasi risplendere di una soffusa luce viola e gialla; fitti boschetti di olmi che inondano il paesaggio di una luce verde con il loro fruscio e il loro dolce oscillare; campi coltivati protetti da muretti a secco e siepi di pitosforo, accanto a file di narcisi profumati che danno un tocco di colore durante le buie mattine invernali; nonché la storia evidente delle isole che prende vita nei numerosi siti archeologici.

Questi paesaggi e ambienti marittimi evocano un’infinità di emozioni, arricchite e accentuate dall’ampia varietà di piante, animali e vita marina in cui ci si imbatte regolarmente durante il proprio soggiorno sulle isole.

La gran parte della fauna selvatica sulle isole è più socievole e pertanto più visibile rispetto a quella presente nel resto del paese; i tordi e i passeri non ci penseranno due volte a invitarsi a pranzo se state facendo un picnic e se partecipate a una delle varie escursioni in barca è probabile che avrete puntati addosso gli occhi curiosi delle foche grigie dell’Atlantico, delle pulcinelle di mare e forse perfino dei delfini.

Tra i residenti delle isole vi sono delle specie decisamente difficili da avvistare in altre parti del Regno Unito; tra queste la più graziosa è certamente la crocidura minore che spesso si sente, o si scorge, mentre sfreccia lungo i sentieri costieri o sulle parti più elevate delle spiagge in cerca di deliziose pulci di mare.